Al momento stai visualizzando Lecce sorprendente nonostante la sconfitta, 1-2 per Lecce-Inter

Lecce sorprendente nonostante la sconfitta, 1-2 per Lecce-Inter

LECCE – Pubblico delle grandi occasioni al Via del Mare per un Lecce-Inter da cartello. Stadio gremito e sognante. La pioggia non ha reso pesante il terreno di gioco e le squadre possono contare su una situazione ottimale. Un pubblico favoloso si appresta a salutare i suoi beniamini, dopo qualche polemica per il mercato dei giallorossi, respinte al mittente dal Direttore Tecnico Pantaleo Corvino.

Foto Michel Caputo

Baroni mette con campo, col 4-3-3, Falcone; Gendrey, Baschirotto, Cetin, Gallo; Gonzalez, Hjulmand, Bistrovic; Strefezza, Ceesay, Di Francesco.
Inter col 3-5-2 e sul rettangolo verde Handanovic; Skriniar, De Vrij, Dimarco; Darmian, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Gosens; Lukaku, Lautaro.

La formazione di Simone Inzaghi innesca subito i suoi campioni, Di Marco svaria sulla fascia sinistra, torre per Lukaku che di testa non fallisce, già nei primi secondi di gioco, 0-1.
I salentini si affidano al pimpante Strefezza che sferra un tiro interessante finito in corner per una deviazione. Anche quando si propone il Lecce pare essere suggestinato dalla portata del match, un pochino di frettolosita’ impedisce un’impostazione lucida. Cessay si mette in buona evidenza e gioca di anticipo sulla retroguardia neroazzurra. Baroni richiama Cetin infortunato per Blin. Azione pericolosa per gli ospiti, Barella spaventa Falcone con una girata sicura, ma, centrale. Alla mezz’ora Baschirotto entra duro a centrocampo su Lautaro, il numero dieci dell’Inter accusa il colpo ma non chiede la sostituzione. Partita maschia, i giallorossi combattono e tengono il campo. Minuto trentotto ed il Lecce si avvicina al gol, Strefezza si insinua in area neroazzurra, dopo una bella azione corale tra Gallo e Di Francesco e conclude debolmente, Handanovic controlla. Cessay si procura un calcio piazzato da posizione interessante, Bistrovic si presenta al tiro ma non centra il bersaglio. Si chiude la prima frazione con il risultato di 0-1 ma il Lecce non dispiace nel complesso.

Si riparte senza cambi, ma i giallorossi hanno una marcia in più, balza all’occhio la corsa di Cessay che anticipa e si propone in continuazione. Da un’azione elegante ed insistita propiziata da Gallo e Strefezza, il solito Cessay si defila ma piazza un colpo di biliardo all’angolino che stecchisce Handanovic, il Lecce fa esplodere il Via del Mare:1-1.
Esce tra le fila dell’Inter Brozovic per Mkhitaryan e Gosens per Bastoni. La partita è spettacolare, Bistrovic, al minuto sessanta, su calcio di punizione dal limite rischia di far raddoppiare il Lecce chiamando agli straordinari Handanovic. L’Inter risponde ma la difesa salentina è compatta. Baroni fa riposare Cessay per Colombo, ovazione per l’attaccante ghambiano, autentica sorpresa. Simone Inzaghi fa entrare altri campionisssimi pur di portare a casa i tre punti.
Fuori Calhanoglu per Dzeko e Darmian per Dumfries. Quest’ultimo svetta di testa è coglie il palo, la squadra milanese impiega tutte le proprie energie per offendere.
Baroni prova ad arginare: esce Gonzales, Di Francesco e Bistrovic per Banda, Helgason e Listkowski. Contropiede inatteso del Lecce, da buona posizione Banda impegna Handanovic. Anche Falcone deve volare fra i pali per salvare il pari, Dzeko e compagni mettono in atto un forcing micidiale.
Tutta la compagine leccese si difende con le unghie e con i denti. Hjulmand troneggia a centrocampo, per tutti i novanta minuti si può definire impeccabile. Fuori Skriniar e dentro Correa per provare a superare il Lecce ai minuti finali. Ben quattro i minuti di recupero, il Lecce cerca di controllare le folate dell’Inter. Sorprende la reattività di Banda che fa respirare la squadra e che sfoggia velocità e sicurezza. All’ultimo secondo dell’extra time, Dumfries fa lo scherzetto al Lecce, gol sul filo del rasoio, una beffa allucinante che fa festeggiare i neroazzurri.

In ogni caso ci sono segnali estremamente positivi da parte di tutto il gruppo, il Lecce ha giocato alla grande, ipnotizzando per diverse fasi l’Inter. Ora la testa al Sassuolo per la gara fuori casa del prossimo 20 Agosto.

Lascia un commento